Social Network Icons

Seguici: Google+ Bit su Linkedin Bit su Twitter  Bit Facebook social page

Fondo Sociale Europeo

Fondo sociale europeo FSE MarcheIl Fondo Sociale Europeo (FSE) è uno dei Fondi strutturali comunitari e ha lo scopo di migliorare l’occupazione e le possibilità di impiego sul territorio dell’Unione europea. I finanziamenti per il territorio della Regione Marche, secondo il Programma Operativo Occupazione FSE 2007-2013, ammontano a 281 milioni di euro e prevedono cinque assi di intervento.

  1. Adattabilità
    L’obiettivo perseguito è quello di accrescere l’adattabilità dei lavoratori, delle imprese e degli imprenditori e promuovere l’innovazione organizzativa nei contesti lavorativi. Il risultato atteso è quello di un incremento della stabilità e della sicurezza del lavoro, di una maggiore qualificazione della forza lavoro, di un rafforzamento di intervento basato sul lifelong learning, di un incremento delle innovazioni introdotte nei processi produttivi e nei modelli organizzativi delle imprese. Saranno implementati interventi finalizzati a sostenere la qualificazione degli occupati, la stabilizzazione dei lavoratori assunti con contratti di lavoro a causa mista o atipici, il prolungamento della vita attiva, l’adozione di misure in grado di favorire la sicurezza sul lavoro e del lavoro, l’adattamento del sistema produttivo alle innovazioni richieste dalla competizione globale. A questo asse è destinato il 30% delle risorse, pari a circa 84 milioni di euro.
  2. Occupabilità
    L’obiettivo perseguito è quello di ampliare la partecipazione e l’accessibilità al mercato del lavoro e migliorare la crescita sostenibile dell’occupazione. Il risultato atteso è quello di un incremento dei livelli occupazionali, nella direzione della piena occupazione, del riequilibrio di genere e del contrasto di livelli di flessibilizzazione del mercato del lavoro socialmente non sostenibili. Saranno implementati interventi di sostegno all’innalzamento dei tassi di attività delle donne e degli over 45, alla realizzazione di azioni finalizzate a qualificare la domanda di lavoro espressa dal sistema produttivo locale per favorire l’inserimento di forza lavoro più scolarizzata, alla qualificazione dei sistemi di governo e dell’incrocio domanda/offerta di lavoro. A questo asse è destinato il 35,5,% delle risorse, pari a circa 100 milioni di euro.
  3. Inclusione sociale
    L’obiettivo perseguito è quello di favorire l´inserimento o il reinserimento lavorativo delle persone svantaggiate per combattere ogni forma di discriminazione nella fase di accesso e di stabilità professionale nel mercato del lavoro. Saranno pertanto massimizzati gli interventi che favoriscano l’integrazione tra politiche attive del lavoro e politiche sociali, verranno realizzate politiche di contrasto al fenomeno della dispersione scolastica derivanti da condizioni di disagio sociale e sarà favorito lo sviluppo di imprese e reti nell’ambito dell’economia sociale e la qualificazione delle imprese sociali. A questo asse è destinato l’11% delle risorse, pari a circa 32 milioni di euro.
  4. Capitale umano
    L’obiettivo perseguito è quello di innalzare la qualità delle risorse umane e l’efficacia del sistema di istruzione e formazione, nonché rafforzare la competitività attraverso la conoscenza. In particolare gli interventi saranno finalizzati all’innovazione dei sistemi di istruzione, formazione e orientamento, garantendo qualità dell’offerta formativa, trasparenza dei titoli e delle qualifiche, sostegno della formazione superiore e dell’alta formazione anche attraverso azioni sperimentali e di raccordo tra università, mondo produttivo e istituzionale. A questo asse è destinato il 17,5% delle risorse, pari a circa 49 milioni di euro.
  5. Transnazionalità
    L’obiettivo perseguito è quello di ampliare e rafforzare la rete nazionale e transnazionale di relazioni del sistema regionale di istruzione, formazione e lavoro al fine di rafforzare i processi di trasferimento dell’innovazione con i paesi dell’Unione Europea con particolare riguardo ad altri governi regionali responsabili delle politiche di lifelong learning. A questo asse è destinato il 2% delle risorse, pari a circa 5 milioni di euro.

La Regione Marche e le Province per il finanziamento della realizzazione degli interventi sopra accennati emettono appositi bandi a cui possono rispondere le aziende e gli organismi accreditati in base alle procedure regionali (enti di formazione, ecc.). I cittadini interessati ai corsi possono trovare un elenco delle opportunità nell’apposita sezione bandi di questo sito per le opportunità finanziate dalla Regione Marche e in ciascuno dei singoli siti provinciali per le opportunità finanziate dalle Amministrazioni Provinciali.

Per maggiori info: Fondo sociale europeo – Fondi Strutturali Europei – Marche

Torna indietro